Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

A VOLTE LA CHIAREZZA NECESSITA MURI DI PAROLE

Dettagli
Categoria: Vari
Pubblicato Mercoledì, 26 Giugno 2013 08:40
Scritto da tratto da Facebook Rodolfo Meoni
Visite: 1079

Abbiamo trovato su facebook ancora un intervento che rigarda la questione già presa in considerazione in un precedente articolo pubblicato su queste pagine

Lo sport minacciato dalla FIKBMS?

A VOLTE LA CHIAREZZA NECESSITA MURI DI PAROLE.

IN CLARIS NON FIT INTERPRETATIO

1. l’ art.18 tutelando la libertà di associazione dei cittadini, assicura la tutela nella forma associativa della pratica sportiva.

 

La garanzia di "libertà" del fenomeno sportivo è QUINDI diretta determinazione di norme fondamentali della nostra carta Costituzionale.

Ricordo che la FONTE PRIMARIA E FONDAMENTALE DEL NOSTRO ORDINAMENTO GIURIDICO è la Costituzione Italiana, sulla quale tanti di noi hanno giurato. Ricordo che La Costituente della Repubblica Italiana del 1948 ha ripudiato completamente ogni principio fascista in relazione allo sport ovvero la visione dello sport idealizzata come “strumento per una gioventù o addirittura per una razza migliore”, ed è proprio qui che l’art. 2 della costituzione si pone come clausola APERTA! a tutte le istanze di libertà del singolo o delle formazioni sociali dove si può svolgere la sua personalità, determinando un vero diritto al soddisfacimento di bisogni culturali e ricreativi da realizzarsi nell’ambito sportivo. In tal modo lo Stato Italiano ha rinunciato a qualsiasi forma di strumentalizzazione dello sport, essendo la nostra Costituzione ispirata a 2 valori fondamentali: LA LIBERTÀ E LA DIGNITÀ UMANA.

"La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità". Questa disposizione, che è insieme norma di chiusura (che esaurisce in sé tutte le forme di garanzia) alias “è così” ma è anche norma aperta a tutte le future istanze di libertà.

Ricordo che l’art.13 della Costituzione che prevale su ogni e qualsiasi norma italiana dispone l’inviolabilità della libertà personale, nella quale può essere ricompresa la libertà del singolo alla pratica sportiva per le esigenze che egli ritiene di soddisfare;

2. Ricordo, ma lo ricorderanno tutti, che lo stesso Falsoni (e che piaccia o no tutti conoscono la sua preparazione) provò nel 2007 a imporre “l’esclusività” di organizzazione e promozione della kick boxing, ma tutti sanno che fallì. Falli per il semplice fatto che neanche la FPI in Italia può avere l’esclusiva della boxe per legge costituzionale.

3. niente c’entrano la potenziale pericolosità dei nostri sport, se non a fare cattiva pubblicità ai nostri stessi sport dopo oltre 30 anni passati a spiegare che la vera violenza è violare le regole. Ne sono espressione le statistiche assicurative non solo italiane, in cui la kick boxing e discipline associate sono classificate molto meno invalidanti di tanti altri sport tra cui: la pesca, il calcetto, il rugby e la stessa boxe inglese.

4. Tutti ricordano, nonostante sembra che sia riportato nei documenti istituzionali di FIKBMS, che la FIS (la Federazione ancestrale di boxe francese Savate), inviò direttamente dalla Francia una lettera da parte del suo Presidente resa pubblica in cui dichiarava che non è rappresentata in Italia da FIKBMS. Lettera rafforzata dallo stesso Alfredo Lallo rappresentante italiano che smentì ogni rappresentanza di FIKBMS correva il 2012.

5. La FIKBMS credo che non sia effettiva del CONI ma solo DSAP ovvero Disciplina Sportiva Associata Provvisoria al CONI. http://www.coni.it/home/discipline-sportive-associate/FIKBMS.html ovvero che è riconosciuta ma ancora sotto l’Osservatorio Coni. Si chiama proprio fase “Osservatorio” in cui il Coni valutare, monitora e verifica la consistenza e le caratteristiche della stessa, per tale ragione ricordo che il regolamento CONI stabilisce che: “In caso di sussistenza di più organizzazioni riferite alla medesima disciplina sportiva l'inserimento nell'Osservatorio quali NDS potrà essere disposto per tutti i soggetti purché gli stessi abbiano fatto espressa istanza e posseggano idonea documentazione dei requisiti previsti”, a tal fine se è vero che la NDS (nuova disciplina) non deve risultare associata/affiliata a nessuna FSN/DSA. Tale impedimento non si estende ai propri affiliati !!! chiedetevi perché.

[Paolo Biotti]