Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

LETTERA APERTA AI COLLEGHI IN F.I.KB.M.S

Dettagli
Categoria: Vari
Pubblicato Domenica, 23 Giugno 2013 17:16
Scritto da Carlo Di Blasi
Visite: 1322

Egregi colleghi,

Negli ultimi mesi come avrete avuto modo di vedere non vi è stato da parte mia o dei dirigenti di Fight 1 alcun attacco o polemica con la federazione di cui abbiamo fatto parte. Ciò solo per una nostra forma di rispetto per il delicato momento sopravvenuto.

 

Abbiamo fatto una scelta diversa e questo non pensavamo dovesse necessariamente creare polemiche o guerre.

Vi è stato un settore che non si è sentito più rappresentato ed ha reagito all’eccesso di politiche proibitive andando via e creando la nostra nuova casa degli sport da combattimento: FIGHT 1.

 

BATTAGLIA LEGALE.

Ciò premesso, non è passata settimana senza che vi sia stato da parte di ALCUNI , sottolineo alcuni, esponenti della F.I.KB.M.S. un attacco diretto a boicottare le nostre iniziative ed ora è partita una sterile e inutile battaglia di carte bollate contro alcuni iscritti, sottolineo alcuni, che sono entrati in Fight 1 o lo stanno per fare.

In sintesi con questa mia voglio solo segnalarvi alcuni elementi che contrastano con il vostro status, tanto vantato di DSA CONI, e che ritengo giusto vengano messi a conoscenza dei dirigenti FIKBMS.

 

UN’INUTILE PROVOCAZIONE.

Esattamente come fu nel passato quando fummo costretti ad opporci a ritorsioni varie perché eravamo in semplice contrasto di idee con ALCUNI della federazione, ora siamo oggetto di interesse da parte degli stessi che ci inducono a reagire mediaticamente e legalmente.

Quindi cominciamo adesso a segnalarvi i fatti e le persone coinvolte nell’attuale querelle che non rende onore alla F.I.KB.M.S. e costituisce inutile provocazione a chi, in tutta tranquillità, ha preso una strada diversa.

 

CHI CONTROLLA IL CONTROLLORE?

Raffaele Di Paolo, giovane consigliere veneto con un passato nel semi contact, il cui compito è di “avvertire” le ASD del settore RING ancora iscritte alla F.I.KB.M.S. che in caso di partecipazione alle attività di Fight 1 saranno passibili di “esposto”, parola paurosa ma che in realtà vuol solo dire: vi deferiremo per una richiesta di sospensione dall’attività per X mesi…

Il giovane Di Paolo pare avere però la vista corta perché si è attivato solo con alcuni e non con tutti.

Ha dimenticato di segnalare alla procura sportiva Fabio Corelli della Pro fighting Rimini la cui atleta Bucci ha partecipato al mondiale ISKA in Inghilterra da me mandata il 20 aprile; oppure ha dimenticato di “avvertire” Silvia La Notte, campionessa mondiale ISKA che il 13 aprile ha vinto tale titolo.

Ad accompagnare La Notte alla stessa manifestazione ISKA con alcuni suoi atleti il DTN Diego Calzolari.

Gli atleti erano tutti i membri della nazionale F.I.KB.M.S.: Angelo Campoli e Joseph Lasiri della sua palestra.

In Canada Giuseppe D’Amuri e Emily Whabi rispettivamente del PF Santeramo e PF Prato i cui dirigenti sono autorevoli membri dei comitati regionali, hanno partecipato al gala di Calgary in Canada inviati sempre ad aprile da Fight 1 tramite i nostri corrispondenti.

Ma vogliamo parlare anche della campionessa italiana Patrizia Gibelli del PF Milano che ha combattuto sabato scorso a Ring Rules, uno degli 8 gala di Fight 1 della settimana passata?

La lista è lunga e la pubblicheremo nei prossimi giorni per aiutare la “santa inquisizione” nei confronti non solo di chi sta combattendo ora ma di chi ha combattuto e che forse è sfuggito al buon Di Paolo. Magari il procuratore federale procederà a valutare d’ufficio assieme alle altre cose.

 

PRESIDENTE E COMMERCIANTE

Patrizio Rizzoli presidente regionale F.I.KB.M.S. e nel contempo titolare dell’azienda di protezioni e materiale tecnico Balistic dal cui sito scrive improbabili invettive contro Fight 1 istigando la F.I.KB.M.S. a promuovere azioni legali nei comuni dove noi organizziamo.

La domanda sorge spontanea, ma perché il Rizzoli non legge i regolamenti CONI che prevedono l’attività degli enti sportivi con le proprie associazioni in TOTALE LIBERTA’? Del resto non mancano numerosissimi esempi precedenti e attuali per tutti gli sport.

E soprattutto perché promuove ben due gala in cui il fratello Massimo ha combattuto in totale dispregio della sua età anagrafica che F.I.KB.M.S. sancisce come limite superiore al consentito?

E soprattutto siete a conoscenza che il Rizzoli organizzava a Livorno, percependo cospicui contributi federali (raramente stanziati per un evento), per un campionato “europeo” di MMA (ma è una disciplina federale?!) a cui hanno partecipato solo 5 nazioni delle 15 previste e di cui una, la Romania aveva solo un atleta in gara, e la Francia due, che però sono venuti a Livorno dietro compenso? Quanto dovrebbero chiedere al consiglio i promoters di semi e light contact che organizzano gare internazionali con ben più di 5 misere nazioni ?

 

MA CHI COMANDA IN FEDERAZIONE?

Infine vogliamo parlare della posizione di una segretaria di federazione, il cui nome non cito perché già colpita abbastanza da un dramma personale che rispetto profondamente, ma il cui ruolo di promotrice di accordi con vari soggetti del ring forse varrebbe un’analisi profonda avendo preso impegni di cui ci sfugge la titolarità non ricoprendo alcun ruolo dirigenziale federale ma quello di semplice dipendente.

Ma forse questa persona vorrà alla fine rispondere personalmente economicamente degli impegni presi con i promoters rimasti in Fikbms.....

 

UN SEGRETARIO PER OGNI STAGIONE

E infine su tutti brilla il segretario generale Rigamonti il quale, pur richiesto di mostrare i conti del consiglio, come un reduce giapponese dopo la fine della II guerra mondiale, resiste e persevera nella sua guerra personale contro di noi tentando di far cancellare dal CONI le nostre ASD, dimenticando che il CONI contatta immediatamente i soggetti in questione e, dopo le opportune verifiche, reinserisce tutte le ASD cancellate dall’operoso Rigamonti.

Ma questo segretario, che ha in mano i conti, perché invece di perdere tempo con noi, non gira ai comitati regionali i soldi delle reversali dovute a fine stagione?

E Ancora, perché il segretario generale non spiega al consiglio che le assicurazioni della federazione stipulate fino ad oggi sono relative solo ai primi 5000 iscritti dei 22.000 tesserati?

Cosa potrebbe succedere in caso di fatto grave quale un secondo decesso, un’invalidità permanente oppure un caso particolarmente grave come L’ASPORTAZIONE DI UN TESTICOLO, la cui richiesta eventuale di 213.000 Euro sarebbe da accettare immediatamente ringraziando che l’eventuale danneggiato non volesse ricomprendere il DANNO di IMPOTENTIA GENERANDI o di DISFUNZIONE ERETTILE che farebbe aumentare il danno biologico raddoppiando la cifra richiesta. Non parliamone poi se il danneggiato fosse stato minorenne ai tempi del fatto, la cifra potrebbe aumentare ancora.

Ma questa è solo un’ipotesi di scuola perché grazie al Cielo non ci risulta che questo ad oggi sia mai successo.....o no?

 

SE A CASA TUA C’E' DA FAR PULIZIA PERCHE' GUARDI IN CASA D’ALTRI?

Questo in breve una situazione che vi farà capire il perché dopo tante provocazioni mi vedo costretto a mettere mano al computer e riprendere le antiche polemiche.

Una parola ancora forse va spesa sugli sport del ring.

 

PRESTO ISCRIVETEVI TUTTI AL PROFIGHTING!

Oggi il settore Ring in FIKBMS è gestito e diretto in sostanza da una sola parte, il gruppo PRO FIGHTING, che tramite il suo consigliere nazionale Claudio Baccolini ha ottenuto la garanzia di poter coprire con i fondi federali il progetto ELITE.

Allora al di là di un piccolo memo su come finì il progetto WAKO PRO GP con l'annullamento della 2a edizione con ancora le selezioni in corso.... Vorrei segnalare a chi pratica sport del ring e non è ancora inserito in questo gruppo di chiederne l'affiliazione (tanto è gratis....) immediatamente per garantirsi i vantaggi del caso. Ai P.F. non solo è garantita immunità per i combattimenti extra FIKBMS ma soprattutto ci sono contributi a pioggia in arrivo, Baccolini garante o no?

 

CONCLUSIONI

A tutti i colleghi segnalo che, al di là del tono ironico, siamo molto seri nel dire che ora risponderemo nelle sedi opportune alle minacce di cui avremo conoscenza ai nostri affiliati ed a questa campagna denigratoria atta a delegittimarci come aventi diritto alla attività degli sport da combattimento.

Siamo certi che la maggior parte della FIKBMS sia composta da persone che sono molto più simili a noi e che condividono le istanze di TRASPARENZA dei conti, CONDIVISIONE delle scelte e di LIBERTA' di pratica sportiva, e che solo una modesta parte di FIKBMS voglia perseguire la politica dello scontro, ecco perchè nella nostra azione legale e mediatica per il momento ci limiteremo a rispondere solo a loro, certi che chi vuole il bene del nostro sport lo vive nell’operosità e non per le guerre inutili, tanto non si convincono le società a tornare indietro con gli editti bulgari che al contrario rafforzano sempre la volontà di libertà.