Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Sport da combattimento

Muay thai, gli atleti sardi a Bangkok per la King’s Cup

Dettagli
Categoria: Sport da Combattimento
Pubblicato Mercoledì, 27 Novembre 2013 16:05
Scritto da Andrea Bazzoni
Visite: 1464

I combattimenti il 5 dicembre, sul ring: Sara Donghi, Mauro Serra e Andrea Serra.

SASSARI 27 NOVEMBRE 2013 – Gli atleti sardi della nazionale italiana di Muay thai volano a Bangkok per la “King’s Cup”, in programma per il 5 dicembre. A combattere sul ring della capitale thailandese ci saranno il due volte campione europeo Mauro Serra, il campione italiano Andrea Serra e la pluri campionessa italiana e campionessa del mondo Sara Donghi.

Ad accompagnare gli atleti isolani in questo importantissimo appuntamento sarà il commissario tecnico della nazionale, Angelo Tarantini.

ANGELO TARANTINI E SARA DONGHI PREMIAZIONE KING'S CUP 2012

La campionessa sassarese e il ct azzurro Tarantini questa mattina hanno lasciato l'isola per Bangkok, mentre i due fratelli Serra raggiungeranno i compagni venerdì.

Sara Donghi, vincitrice nell’edizione 2010 e 2012, nel main event della manifestazione combatterà per il titolo mondiale S-1.

A completare la nazionale italiana anche l’altro ct e decano della Muay thai italiana Egidio Pesare e gli atleti pugliesi Andrea Valeriano (già vincitore nell’edizione 2012) e  Jacopo Tarantino.

Il “Compleanno del Re” in Thailandia è il più grosso evento al mondo di Muay thai e si svolge appunto il 5 dicembre di fronte al Palazzo Reale di Bangkok, davanti a un pubblico numerosissimo. L’evento, inoltre, sarà trasmesso in mondovisione in diretta tv su Fox Sport, True Vision e altri canali asiatici.

Un evento dedicato completamente alla Muay thai che, da oltre vent’anni, vede combattenti provenienti da ogni parte del mondo, per rendere omaggio al re thailandese.

La nazionale italiana salirà sul ring di Bangkok con il lutto al braccio, per ricordare le vittime della recente tragedia che ha colpito la Sardegna.