Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Sport da combattimento

Matteo De Rosa: maggiorenne e professionista

Dettagli
Categoria: Sport da Combattimento
Pubblicato Mercoledì, 03 Luglio 2013 20:28
Scritto da Sandro Turco
Visite: 2057

Il giovane atleta Matteo De Rosa, è pronto per una nuova. L’atleta casaranese, dopo aver festeggiato la maggiore età potrà esordire nei professionisti: l’evento, è previsto per domenica 14 luglio a Torre San Giovanni (Marina di Ugento) durante il “Nigth of Gladiator”

l'esultanza di De Rosa in Svizzera

 

          Spegnere le 18 candeline per poi approdare nei professionisti. Matteo De Rosa, si accince a compiere il grande salto dopo aver praticamente bruciato le tappe. In soli pochi mesi di attività il giovane atleta di Casarano – allenato dal maestro Mino Conte – si è reso tra i principali protagonisti in ambito nazionale. De Rosa lo scorso aprile si è laureato campione d’Italia nella categoria K-1 Rules, Junior kg 63,5 (evento organizzato a Jesolo (Ve) dalla Federazione Italiana Kickboxing, in programma a Jesolo (Ve).

          Lo scorso 14 aprile De Rosa è salito sul ring allestito a Sava (Ta), per affrontare un match di muay-thai full rules; il confronto contro il 27enne Cosimo Fina (di Sava) si archivia prematuramente proprio in favore del salentino: dopo soli 26 secondi dall’inizio del confronto, un calcio basso sferrato da De Rosa, ha praticamente compromesso definitivamente le velleità del tarantino.

          Dopo uno stop di circa due mesi – a causa di un infortunio al tendine della mano destra – l’allievo del maetro Conte, è nuovamente tornato sul ring, approdando in Svizzera: a Bellinzona difatti, lo scorso 22 giugno, De Rosa ha affrontato l’atleta elvetico Mauro Dipinto, per un incontro di k-1, sulla distanza delle tre riprese. Per De Rosa, si è trattato del primo match da semi professionista (ovvero senza l’utilizzo delle paratibie). Dipinto, nonostante fosse stato etichettato come un avversario sempre proteso all’attacco e molto abile di boxe, non è riuscito a frenare la determinazione di De Rosa; il giovane atleta casaranese, è riuscito a neutralizzare le velleità dell’elvetico grazie ad una serie di combinazioni di boxe efficaci, uscite laterali, ginocchiate e calci bassi. «È stato un avversario molto duro, soprattutto perché si è dimostrato un grande incassatore – ha commentato De Rosa – Per fortuna sono riuscito a lavorare d'intelligenza, riuscendo così ad aggiudicarmi tutte le tre riprese in programma».

          Matteo De RosaAdesso per De Rosa si splalancano le porte del professionismo. Domenica 14 Luglio a Torre San Giovanni (Marina di Ugento) si materializzerà il "Night of Gladiator" ospitato all’interno del “Lido Oasi degli Angeli". Il figther casaranese affronterà il leccese Ismaele Bene. Oltre a De Rosa, il maestro Mino Conte (repsonsabile dell’organizzazione dell’evento) ha inserito, numerosi match di alto livello. Finora per De Rosa, si è concretizzato una sequela di vittorie: in otto uscite sul ring, l’allievo del maestro Conte ha totalizzato altrettante vittorie (impreziosite da tre ko).

          «Mi alleno costantemente con il maestro Mino Conte di Ugento – spiega De Rosa – sei giorni alla settimana dedico il mio tempo libero a questa disciplina sportiva; lunedì e mercoledì effettuo delle sedute di corsa, mentre martedì, giovedì e venerdì mi reco in palestra a Racale, per preparare la tecnica. Infine, la domenica l’appuntamento è in riva allo Ionio, sempre accompagnato dal maestro Conte, per ultimare la fase atletica. Mi sono avvicinato a questo sport con l'intento di dimagrire ma dopo pochi mesi, non si trattava più di trascorrere il tempo in compagnia ma la mia motivazione si è trasformata in una voglia sfrenata di essere competitivo sul ring. Finalmente si avvicina il giorno dell’approdo nei professionisti. Si tratta di un traguardo tanto desiderato ma sono consapevole del fatto che proprio adesso inizia un nuovo percorso da disegnare insieme al mio maestro Conte».

          Per De Rosa, prima dell’atteso evento professionistico, ci sarà da festeggiare una data importante: giovedì 6 luglio, è il momento di spegnere le 18 candeline, magari sognando come regalo la prima vittoria tra i professionisti.