Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Pugilato

GIUSEPPE “THE END” LAURI CAMPIONE DEL MONDO GBC

Dettagli
Categoria: Pugilato
Pubblicato Sabato, 04 Ottobre 2014 14:35
Scritto da Super User
Visite: 2216

Giuseppe Lauri, alias “The end”, sabato nello sport halle di  Handerberg  gremito in ogni ordine di posto, contro il giovane di casa Rico Schultz, titolare della cintura dei superwelter, ha tirato fuori gli artigli ed ha ridato luce al suo soprannome, mettendo KO l’avversario alla fine del settimo round con un micidiale gancio sinistra alla vecchia maniera, conquistando alla soglia dei 38 anni il titolo mondiale GBC, della nuova sigla di origine tedesca della Global Boxing Allemande.

Impresa veramente eccezionale, inizio come di consueto, di Lauri, calmo e con un bel diretto sinistro, che fermava l’avanzare del tedesco per i primi tre round, dalla quarta ripresa alla sesta ritmo incessante di Schultz, che stava prendendo il sopravvento, causando un’epistassi nasale, prontamente fermata dall’angolo di Lauri, dove per l’occasione c’era il vecchio papà Lauri, che suggeriva a Giuseppe, di iniziare i restanti round incalzando, l’avversario, che pare in debito di ossigeno. L’inizio della settima ripresa rivedeva il vecchio “The end” che cominciava a comandare, Rico Schultz, in vantaggio di punti, cercava di arginare il nuovo Lauri, rinato dopo l’andicap della sesta, ma un prestigioso gancio sinistro lo mandava al tappeto per il conto totale, apparso eseguito al rallenty, è fermato anche dal suono del gong, ma le urla del maestro Lauri, facevano pronunciare la parola out dall’arbitro, quando il pugile tedesco era stato trasportato al suo angolo veramente in condizioni precarie. L’esultanza di papà Lauri e di “The end” saliva alle stelle, finalmente una grande vittoria. La sigla non sarà blasonata, ma come si suol dire, quello che conta sono i valori in campo e Schultz si è dimostrato veramente di valore, ma purtroppo ha trovato sulla sua strada il gancio sinistro di Lauri, che ha fatto diverse vittime. Varese e l’italia devono inchinarsi davanti a questo grande campione che ha dato lustro per oltre vent’anni al professionismo italiano, vincendo quasi tutto e lottando contro tutti in Italia e specialmente all’estero. Grazie Giuseppe “The end” Lauri.