Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Pugilato

Sconfitta al veleno per i “Lupi Briganti” a Napoli. A rischio il cammino al Talent League

Dettagli
Categoria: Pugilato
Pubblicato Lunedì, 31 Marzo 2014 19:30
Scritto da Sandro Turco
Visite: 1510

Nonostante la maggiore qualità degli avversari, ai Lupi Briganti è stata scippata la clamorosa vittoria di Dario Vangeli. La vettura che ha accompagnato la squadra in Campania, ha comunque suscitato curiosità in Autogrill: chiesti anche autografi. Grande prova generale della squadra dei tecnici Di Marco e Stifani

 

          C’è ancora grande amarezza, all’interno del team della compagine Lupi-Briganti, dopo aver archiviato domenica 30 marzo a Napoli, la prima giornata d’andata della regular season in programma al Talent League of boxing. Il torneo di pugilato ideato dal campione olimpionico Roberto Cammarelle – sotto l’egida della Federazione Pugilistica Italiana – ha messo al confronto (nel Girone C) la formazione locale degli Squali-Borboni (Campania e Calabria) contro i Lupi-Briganti (team che raggruppa i Comitati Regionali Puglia-Basilicata e Abruzzo-Molise). Mentre le Pantere-Aragonesi (Sicilia-Sardegna) hanno rispettato il turno di riposo. Al Centro Polifunzionale di Soccavo (Napoli), i Lupi Briganti, diretti dai coach Francesco Stifani e Simone Di Marco e accompagnati dal team leaderFabrizio Baldantoni, si sono schierati con la consapevolezza di dover affrontare una delle migliori squadre del torneo. Si comincia in un orario del tutto inusuale (alle 11,30 del mattino) con la voglia di portare sul ring tutta la determinazione di un gruppo di atleti pronto ad onorare la competizione. Dopo aver subìto le prime due sconfitte con Di Gioia (kg 56) e Caputo (kg 60), i Lupi Briganti, schierano capitan Dario Vangeli (kg 64), copertinese e da alcuni anni in forza al Gruppo Sportivo Fiamme Oro. Al termine delle tre riprese, inspiegabilmente, viene assegnata la vittoria al campano Picardi: una decisione arbitrale talmente assurda da lasciare sbigottiti non solo i Lupi Briganti ma anche molti addetti ai lavori. «Dopo aver ascoltato il verdetto non ho avuto nemmeno la forza di esprimere la mia rabbia perché mi sono letteralmente impietrito – afferma deluso coach Stifani – A quel punto ho solo voluto interrompere la manifestazione per chiuderci negli spogliatoi a riflettere con il resto del gruppo. Non nascondo che in un primo momento l’azione più sensata che ci è balenata, era quella di abbandonare tutto e tutti e ritornarcene a casa mestamente. Dopo qualche minuto, abbiamo ricevuto la visita del team leader degli Squali-Borboni, Enrico Apa e quella del Consigliere Federale Angelo Musone; successivamente dopo il confronto, abbiamo ritenuto rispettoso, nei confronti del pubblico e soprattutto degli organizzatori, tornare sul ring e concludere regolarmente il programma, rimandando – nelle ore successive – ogni decisione sul futuro della nostra presenza al torneo. Chiusa questa triste pagina “sportiva”, non voglio far passar in secondo piano la prova maiuscola di tutti ragazzi: peraltro, dopo il match di Vangeli, non era facile tornare sul ring con un fattore psicologico oramai non più equilibrato; nonostante tutto, i ragazzi hanno dimostrato un carattere e uno spirito di squadra eccezionale, a cominciare da Ruggiero, il quale negli ultimi giorni non si è potuto allenare (Ruggero, si è arruolato nell’Esercito), fino a giungere a Squeo, vittorioso nella sfida in programma nei 91 kg. Il finale quindi è stato di 11-5 per i padroni di casa frutto di quattro vittorie e tre pareggi (2 punti in caso di vittoria; 1 punto per il pareggio)»

          Adesso, il programma della seconda giornata, prevede il confronto tra i Lupi Briganti contro le Pantere Aragonesi (riposano gli Squali Borboni): l’evento è previsto per il prossimo 12 aprile a Rionero in Vulture (Pz) organizzato dalla Boxe Potenza.

          Quindi, mentre gli organizzatori continuano a muoversi per allestire la seconda giornata di gare, all’interno dello staff dei Lupi Briganti è il momento delle consultazioni: i tecnici Di Marco e Stifani, insieme al team leader Baldantoni, chiedono – ai vertici federali – spiegazioni esaustive necessarie per giustificare un verdetto che ha smorzato gli entusiasmi manifestato nei giorni scorsi. In attesa di conoscere gli sviluppi del futuro del cammino dei “Lupi”, non sono mancati alcuni momenti di grande soddisfazione: all’arrivo della squadra a Napoli, il tecnico Stifani, ha donato al gruppo una divisa griffata “Lupi Briganti”, mentre al momento del rientro a casa, non è passato inosservato il mezzo che ha accompagnato la squadra in Campania: «A dimostrazione della nostra spassionata passione per questa disciplina, ho voluto regalare ai ragazzi una divisa di rappresentanza – chiosa Stifani – Inoltre ho voluto marchiare a fuoco il logo dei “Lupi” sulla mia Opel Vivaro; durante una sosta nel parcheggio di un Autogrill, alcuni curiosi si sono fermati vicino al mezzo ed hanno cominciato a chiederci autografi senza sapere di preciso che cosa rappresentassimo: è stata un’occasione per promuovere la nostra attività anche al di fuori dal ring; e forse, in questo caso abbiamo ricevuto anche le migliori soddisfazioni».

 

          A seguire il quadro completo della giornata di Napoli:

 Kg 56 Ciro Cipriano vs Giulio Di Gioia (Kankudai, Boxe Bari): vince ai punti Cipriano;

Kg 60 Donato Cosenza vs Pietro Caputo (Acc. Pug. Portoghese, Bari): vince ai punti Cosenza;

Kg 64 Gianluca Picardi vs Dario Vangeli (Gruppo Sportivo Fiamme Oro, Roma): vince ai punti Picardi;

Kg 69 Dario Morello vs Benito Ruggiero (Acc. Pug. Andriese, Andria): vince ai punti Ruggiero;

Kg 75 Giuseppe Perugino vs Saverio Gena (Acc. Pug. Portoghese, Bari): pari;

Kg 81 Nika Gogiashvili vs Francesco Cacciapuoti (Pol. Renato Costantini, Roma XX): pari;

kg 91 Gianmarco Cardillo vs Claudio Squeo (Quero-Chiloiro, Taranto): vince ai punti Squeo;

kg +91 Eugenio Indaco vs Salvatore Solimene (Pugilistica Cardamone, San Michele di Serino): pari.

 

Nella formazione dei Lupi Briganti sono stati convocati anche:

     (Kg 56) Francesco Splendori (Gruppo Sportivo Fiamme Oro, Roma); Antonino Sponziello (Pugilistica “A. Rodio, Brindisi);

     (Kg 60) Giuseppe Carafa (BeBoxe, Copertino); Michele De Filippo (Acc. Pug. “E. Iovannelli”, San Paolo di Civitate);

     (Kg 64) Luigi Alfieri (Boxe San Salvo); Alessandro D’Amore (Pugilistica Diodato Chieti);

     (Kg 69) Alfonso Di Russo (Boxing Team Simone Di Marco, Pescara); Giuseppe Silvestrini (Pug. Rosetana, Roseto degli Abruzzi);

     (Kg 75) Danilo Creati (Pug. Di Giacomo, Montesilvano); Cristiano Telesca (Boxe Potenza);

     (Kg 81) Artur Petryk (Acc. Pug. Panettieri, Matera); Antonio Di Vito (Medaglia d’Oro, Marcianise);

     (Kg 91) Luca Spadaccini (Pugilistica Diodato Chieti); Alvio Viotti (Boxe Termoli);

     (Kg +91) Giovanni Balestra (Quero-Chiloiro, Taranto); Giuseppe Mancuso (Bruzia Boxe, Rende).

 

Commissario di Riunione: Maurizio Apa (Campania);

Arbitri-Giudici: Domenico Meccariello (Campania), Roberto Pepe (Campania), Aniello Palmieri (Puglia-Basilicata), Emanuele Chiappini (Abruzzo-Molise).