Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Pugilato

Un gran successo “mondiale”

Dettagli
Categoria: Pugilato
Pubblicato Domenica, 15 Settembre 2013 10:49
Scritto da Sandro Turco
Visite: 813

Per Nicola Cordella, è stato comunque un gran successo “mondiale”

Per il pugile di Copertino allenato dal maestro Francesco Stifani, l’esperienza di Kiev si ferma agli ottavi di finale. Intanto a Copertino c’è aria di grande soddisfazione e di nuovi progetti ambiziosi. Presente a Kiev anche il presidente del Cr Fpi Puglia-Basilicata Fabrizio Baldantoni in qualità di Team Leader

Bari, 15 settembre 2013

Il presidente Fabrizio Baldantoni e Nicola Cordella a Kiev        Domani calerà il sipario sull'edizione 2013 dell'AIBA Junior World Boxing Championships in programma a Kiev (Ucraina) dal 5 al 16 settembre prossimi. La kermesse mondiale, ha chiamato in causa i pugili partecipanti (nati tra il 1 gennaio 1997 e il 31 dicembre 1998 appartenenti alle seguenti categorie di Peso: 44kg-46kg, 48kg, 50kg, 52kg, 54kg, 57kg, 60kg, 63kg, 66kg, 70kg, 75kg, 80kg, 80+kg)Ai campionati del mondo di pugilato ha anche partecipato il giovane salentino Nicola Cordella (48kg). Per l’atleta azzurro portacolori della BeBoxe di Copertino, dopo la vittoria (all'interno del Palace of Sport di Kiev) contro Ugyen Tshenang (Bhutan), ha dovuto affrontare negli ottavi di finale il portoricano Lopez Marcano Jonathan, quest’ultimo vittorioso con il risultato di 3-0.

          «Siamo tutti soddisfatti per questa esperienza mondiale per il nostro pugile 15enne – spiega il tecnico della BeBoxe Francesco Stifani – Dopo l’esordio nel pugilato avvenuto poco più di un anno fa e ritrovarsi già ad affrontare un Campionato del Mondo, è certamente già un successo mastodontico per qualsiasi ragazzo della sua età. A questo poi va aggiunto il fatto che Cordella non disponeva di un bagaglio di esperienza tale da poter essere paragonato a molti dei suoi avversari provenienti da altre nazioni e quindi da altre federazione che applicano altri regolamenti (in Italia, come è noto, si inizia l’attività agonistica a 13 anni compiuti, mentre in altri Paesi si comincia anche a 10 anni). La vittoria nell’esordio per Cordella ha poi ulteriormente impreziosito questa esperienza sportiva e umana per questo giovane studente copertinese. Adesso però è il momento di conservare gelosamente questa esperienza mondiale, di condividerla assolutamente con il fratello gemello Damiano e costruire un percorso ambizioso e ben delineato. Si tratta infatti di due giovani atleti interessanti e sui quali è possibile sognare prosceni di un certo spessore». 

Prima vittoria mondiale per Cordella a Kiev

          Soddisfazione espressa anche dal Team Leader, Fabrizio Baldantoni: «Ringrazio la Federazione Pugilistica Italiana per avermi concesso l’opportunità di vivere questa esperienza entusiasmante e costruttiva e di condividerla con giovani pugili dalle indiscusse qualità tecniche – commenta il presidente del Comitato Regionale Puglia-Basilicata – Sono felice anche perché Cordella ha rappresentato il nostro Comitato disputando delle ottime prove nonostante non disponesse di una corposa esperienza sul ring. Credo che per tutti gli atleti azzurri sia stata un’occasione propedeutica per il raggiungimento dei rispettivi obiettivi professionali».         

          Oltre al copertinese Cordella (kg 48), in rappresentanza dell'Italia sono stati convocati altri cinque atleti: kg 46 Giuca Santo (ASD Eagle), kg 52 Di Serio Raffaele (ASD Excelsior Boxe), kg 54 Zuppardo Andrea (GS Fiamme Azzurre), kg 66 Mancarella Samuele (ASD Siracusa Boxing Team) e kg 70 Sarchioto Giovanni (ASD Imperium Boxe). La delegazione italiana è composta anche dal Team Leader, Fabrizio Baldantoni (Presidente CR FPI Puglia-Basilicata), i coaches, Maurizio Stecca e Giulio Coletta, il Team Doctor Luciano Lucania e il Fisioterapista Marcello Giulietti.