Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Arti Marziali

BATTESIMO DI FUOCO PER LA NAZIONALE FIK

Dettagli

BATTESIMO DI FUOCO PER LA NAZIONALE FIK NEL CIRCUITO I.K.U.

La bella e accogliente cittadina istriana di Portoroz, in Slovenia, ha tenuto a battesimo l’attività I.K.U. (International Karate Union), di cui la Federazione Italiana Karate è unica rappresentante per l’Italia. Qui infatti si è svolto dal 7 al 9 giugno scorso il 1° Campionato Mondiale per Seniores e Veterani.

 Senza alcuna ipocrisia di circostanza, è stato un successo andato oltre ogni previsione (tenuto anche conto che si tratta delle “difficili” classi Senior e Veterani, oggi carenti numericamente in tutto il mondo).

Ben 19 le Nazioni registrate con 386 atleti, e purtroppo quattro di queste non sono poi arrivate per non aver ottenuto il visto. Quindi effettivamente presenti 343 atleti e 15 Nazioni: numeri straordinari se si pensa che l’IKU è nata solo pochi mesi fa ed è formata da una sola federazione in ogni paese.

Sin dalle prime battute di gara ci si è resi conto che questo non sarebbe stato solo il battesimo dell’IKU ma anche il battesimo di fuoco per la squadra nazionale FIK visto l’altissimo livello tecnico soprattutto nel Kumite. Squadre come Inghilterra, Brasile, Serbia, Russia, Italia e Slovenia, hanno presentato atleti di valore “assoluto” che hanno militato (e vinto medaglie) in ogni federazione dove hanno militato in passato. Su questo solo una battuta del M° Pietro Antonacci, da poco uscito quale arbitro dalla World Karate Federation: “posso assicurare che il livello tecnico nel kumite non ha niente da invidiare a quello della WKF”…

Venendo alla formazione italiana, andata grosso modo secondo le previsioni (anche se al di sotto delle aspettative nel Kumite per quanto detto prima) che chiude al 1° posto avanti di poco alle forti compagini inglese e serba.

Nel Kata Individuale vincono l’Oro le nostre brave Martina Rossi (Goju Senior) e Margherita Piroi (Interstile Senior), Francesca Treppiccioni (Interstile Veterani), Michele Lestani (Shotokan Veterani), Nicolò Sartori (Shotokan Veterani), Chesi Jonathan (Interstile Senior); Argento per Eleonora Coletto (Goju Senior), Michela Benedetti (Interstile Veterani), Angelo Umberto Rullo (Interstile Senior), Fabrizio Farinoni (Shotokan Senior), Roberto Mazzucchi (Goju Veterani), Saverio Alberti (Shito Veterani); Bronzo per Claudio Simonetti (Goju Veterani), Giuseppe Lanza (Shito Veterani), Luca Cagiotto (Shotokan Veterani), Ivan Serra (Interstile Veterani), Elisa Orsi (Shotokan Senior), Elisa Gottardo (Interstile Senior), Nicola Fochesato (Shotokan Senior),  Ceselli Daniela (Shito Veterani), Anna Condolino (Interstile Veterani).

Nel Kumite Individuale Oro per Virginia Pucci (Senior +68 kg.) e Alessandro Marnetto (Veterani); Argento per Erika Magrini (Shobu Ippon), Roberto Mongardini (Veterani); Bronzo per Paolo Grimaldi (Veterani), Massimo Manzi (Veterani), Alessia Rotondo (Senior +68 kg.), Gianluca Letterio (Senior -70 Kg.), Alfredo Amitrano (Senior -80 kg.), Gianluigi Russo (Veterani) e Gennaro Masha (Senior 53 Kg.).

Quindi grandi performance dei nostri bravi ed esperti Veterani. Nelle gare a squadre splendidi risultati con l’Oro nel Kata Senior sia maschile che femminile,  nel Kata Veterani maschile, nel Kumite Veterani Maschile Sambon e Rotation; Argento nel Kata Veterani femminile, nel Kumite Senior Femminile Sambon e Kumite Senior Maschile Ippon e Rotation; Bronzo nel Kumite Senior Femminile Rotation Sanbon e nel Kumite Senior Maschile Sambon.

Un bilancio quindi estremamente positivo, in un contesto tecnico assai elevato e difficile, reso possibile anche dalla bravura degli esperti coach al seguito della squadra, i Maestri Stefano Pucci, Giorgio Carcangiu, Giorgio D’Amico, Paolo Scapin e Nadia Ferluga, con il coordinamento del M° Roberto De Luca.

In evidenza assoluta, per bravura e professionalità, i nostri arbitri Pietro Antonacci, Elsa Epifani, Adriano Cosma, Sergio Valeri, Maurizio Nencetti, Dario Pieributi, Luciano Diani e Gerardo Nazzaro, nonché Franco Sebenello (che ha diretto la gara con precisione svizzera) e Vitaliano Morandi (che ha coordinato con la sua consumata esperienza il gruppo arbitrale).

Un gruppo, quello arbitrale, che ha dimostrato ancora una volta il valore della scuola italiana.

Un ringraziamento particolare, con i complimenti per l’operato, è stato rivolto a tutti gli arbitri dal Presidente Victor Charles e dal Vicepresidente e Segretario Generale Daniele Lazzarini, che ha ribadito la primaria importanza di questa figura per il successo di ogni manifestazione.

Un’esperianza davvero esaltante nel suo complesso, che da avvio a questa nuova avventura nell’IKU, che sarà davvero stimolante e di crescita.

Al temine della competizione, tra la gioia generale di tutti i partecipanti, l’annuncio da parte di sua Eccellenza MBE (Baronetto della Regina) Victor John Charles che il prossimo appuntamento per i Seniores e Veterani sarà a maggio del prossimo anno in Brasile, nella splendida Icuazu Falls, mentre nel mese di ottobre gli Europei per cadetti a juniores a Londra.

Se il buon giorno si vede dal mattino… l’IKU lo ha dimostrato, con l’unanime consenso di tutti i partecipanti.

Una nuova via per il Karate è davvero possibile…

Share
   
© ILGUERRIERO.IT