Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Arti Marziali

La Scuola Judo Ceracchini argento al Campionato Italiano a Squadre di Judo.

Dettagli
Categoria: Arti Marziali
Pubblicato Martedì, 30 Settembre 2014 13:21
Scritto da Super User
Visite: 2582

Lignano Sabbiadoro (Udine) sabato 27 Settembre 2014, seconda volta sul podio degli Italiani a squadre, seconda classificata, questo è il piazzamento storico della Scuola Judo Ceracchini di Cagliari capitanata da Nicola Demuro e composta da: Antonio Chianese kg. 66, Simone Piras kg. 73, Gianluca Aracu Kg. 73, André Alves kg. 81, Karolis Bauza  kg. 90,  Gabriel Arteaga Kg. +90.

La squadra sarda si conferma tra le società italiane più forti, infatti se poteva sembrare un colpo di fortuna la medaglia di bronzo dello scorso anno questo risultato altro non fa’ che riaffermare la bravura dei ragazzi della società cagliaritana. Dopo la disputa del Campionato a squadre serie A/2 vinta dalla società parmense Kyu Shin Do Kai e la formazione delle teste di serie, la Ceracchini parte in base ai risultati degli anni scorsi come testa di serie n.3, il primo incontro è con la squadra della Robur et Fides di Varese dove la Ceracchini passa il turno per 3 vittorie a 2 (30 punti judo a 20), il secondo turno per il passaggio in finale è  contro la blasonata squadra delle Fiamme Gialle che viene battuta per il secondo anno consecutivo con il risultato di 3 vittorie a 2 (30 punti judo a 20), in finale il terzo set di incontri è contro la squadra campione in carica Akiyama Settimo Torinese di Torino che dopo una forte resistenza da parte del team sardo vince per 3 vittorie a 2 (27 punti judo a 20). Questa la cronaca della finale: il primo combattimento categoria  kg. 66 è tra il plurimedagliato Matteo Piras ed il nostro Antonio Chianese che  vince con un bellissimo ippon di Sasae-tsuri-komi-ashi; nei kg.73  Ermes Tosolini la spunta per ippon  vs Simone Piras  portando così in parità la situazione; Il terzo combattimento negli 81 kg. vede Andre Alves perdere con   Massimiliano Carollo della Akiyama  per waza-ari a sei secondi dalla fine dell’incontro essendo in vantaggio di yuko conquistando il vantaggio per la squadra torinese; i kg. 90 vedono la netta vittoria delle Ceracchini con Karolis Bauza su Nicholas Mungai  per ippon su leva articolare riportando la parità tra le due squadre, ed aumentando la suspence tra i contendenti il titolo ed il pubblico presente; l’incontro decisivo dei +90 kg. si combatte tra Gabriel Arteaga e Lukas Kapalek attuale Campione del Mondo in carica, Arteaga reduce dalla vittoria con il rappresentante della Robur  et Fides di Varese (atleta svizzero) e dalla grande vittoria con il rappresentante della formazione delle fiamme gialle campione Italiano assoluto in carica, tenta in tutti i modi di contrastare il forte campione cecoslovacco ma allo scadere del tempo viene immobilizzato.

Questa la tabella dei combattimenti:                                                                                  

                                 Ceracchini                          Akiyama                                                         Punti Judo

1

Kg. 66

Antonio Chianese

Matteo Piras

1

0

10

0

2

Kg. 73

Simone Piras

Ernes Tosolini

0

1

0

10

3

Kg. 81

Andrè Alvese

Massimiliano Carollo

0

1

0

7

4

Kg. 90

Karolis Bauza 

Nicholas Mungai

1

0

10

0

5

Kg. +90

Gabriel Artega

Lukas Krpalek

0

1

0

10

 

 

 

 

2

3

20

27

Il commento del coach Demuro dice tutto: “Questo era l’anno buono e ci è sfuggito per 6 secondi, ma và benissimo così”; noi non possiamo far altro che complimentarci per l’ottimo risultato ed augurare buon lavoro al tecnico cagliaritano, sperando che, visto il crescendo ( nel 2013 sono arrivati terzi, nel 2014 secondi),  il 2015 sia l’anno buono per portare a casa un metallo più prezioso.

 

Reccia Antonio Marco